Costumi Balli Canti Proverbi Saperi e sapori

 


Alcuni dei tanti proverbi ricchi di storia e tradizione (tratti da "Mormanno di una volta", Luigi Paternostro, Firenze, Marzo 1981)

 

:: I proverbi più famosi ::
 
   

A fà cumi ti fanu, non ci vò mastrìa
Così come ti hanno fatto non occorre essere maestri

 
   
Tenisi a furtuna 'u pecuru: nasci curnutu e mmori ammazzatu
Possedere la fortuna della pecora, nascer cornuto e morire ammazzata
 
   

Campana santa ricogghiti a cu ti sona e nò a cu ti senti
Campana Santa porta via chi la suona non chi la sente

 
   
A gaddrina i l'avutri iè quantu 'na papara
La gallina del vicino è come una papera
 
   

Poviri all'ommini chi ba appress'a femmini
Povero uomo che va dietro alle donne

 
   
Mangia carni di pica e sia curnacchia, curcati cu nna femmina e sia na vecchia
Mangia carne di dura e sarà cornacchia. Va a letto e sarà una vecchia
 
   

Chi ffai ntra ssu vaddruni? Spinnu piccioni
Che fai in questo dirupo? Dispendo i Piccioni

 
   
Tira cchiu nu pilu, ca nu sciartu
Tira più un pelo che un'aratro
 
   

Dissi 'u sorici alla nuci: Dami tembu ca ti pirtuso
Disse il topo alla noce: Dammi tempo che perforo

 
   
Sungiru di vernu cum'a puttana i Salernu
Chiara d'inverno cuma la Prostituta di Salerno
 
   

Tornu, tornu iè nuvulo, mmenzu iè stiddriatu, u disignu c'aviasi fattu l'ai sgarratu
Nuovamente è nuvoloso, al centro è Umido, il disegno che avevi fatto è sbagliato

 
   
Vernu ca non vernizza, stati ca no statizza, a mmia non mi quatrizza
Inverno e Estate che no rispettano il tempo di stagione, e me non mi convince…
 
   

Come catarinia accussi natalia
Come è il tempo il giorno di Santa Caterina così sarà a Natale

 
   
Pasca, mbedi na frasca
La SS. Pasqua è ai piedi di una Foglia
 
   

Santu Nicola nu passu i zilona; Santa Lucia nu passu i gaddrina; Santu Natali nu passu i Cani
Santo Nicola un passo lento, Santa Lucia un passo di gallina, Santu Natali un passo di cane

 
   
A 'gustu, si paganu i debiti
Ad agosto, si pagano i debiti
 
   

Figghi femmini e butti i vinu, spicciali quantu prima
Figlie donne e botti di vino, sbrigale quanto prima

 
   
Cu prumindi e non dà resta figghi da marità
Chi promette e no da lascia figli da sposare
 
   

Nivi di marzu non reidi a iazzu
Neve di marzo non resta a lungo

 
   
Quannu trona, cchiovi, quannu lamba scampa
Quando tuona, piove, se il cielo è illuminato dal fulmine la pioggia è finita
 
   

Troni di culu timbesta di mmerdi
Tuoni di "culo" tempesta di "merda"

 
   
Troni di culu sanità di corpu, cu no ni fa di quissi iè mortu
Tuoni di "culo" sanità di corpo, chi non né fa sarà morto
 
   

Si pisciasi n'tra pagghia, fai sulo sc'uloma
Se urini nella paglia si crea schiuma

 
   
Veni cumpari ca ti mmitu: porta la carni ca iè mintu lu spidu, porta lu pani ca lu meiu iè mmucatu; porta lu vinu ca lu meiu iè acetu. Veni cumpari ca ti mmitu
Vieni amico che ti invito: porta la carne che io metto lo spiedo, porta il vino che è finito, porta il pane che il mio è ammuffito: vieni amico che ti invito
 
   

Tornasi cu lu culu ruttu e senza cirasi
Ritornare con il sedere rotto e senza ciliegie

 
   
Ai vistu mai zingari meti?
Hai mai visto zingari lavorare?
 
   

T'aspittava cu l'ova mpettu
Aspettare una persona con desiderio

 
   
Cu s'avanta sulu, no mmali nu fasulu
Chi si esalta da solo non vale un fagiolo
 
   

Non fa lu zingaro mbriacu!
Non fare l'indiano

 
   
Vòi a vutti chìna e la mugghieri mbriaca
Voi la botte piena e la moglie ubriaca
 
   

Chi boi? A pitta cotta a u soli, o lu mortu mmenz'a casa?
Cosa vuoi? La pizza cotta al sole, o il morto in casa

 
   
Ammenti ca la sonasi ssa campana, ca cu non iè divotu non veni
inutile suonare la campana, per chi non è devoto…non verrà mai
 
   

Centu misuri, e gunu tagghiu
Cento misure e un solo taglio

 
   
Quiddri chi m'abbuscai a sbaccà petri, m'agghiu iucatu cu na cicata
Quello che avevo guadagnato spaccanddo pietre, me li son giocati con una scommessa
 
   

Requimmaterna: diddru alla fossa e noi alla taverna
Requiem matern: lui alla fossa e noi in cantina

 
   
Vattisimi e morticeddri, notti longhi, malutembu e festi, stipi vasci e femmini cioti (Quissu va truvannu 'u vacabbunnu)
Battesimi e morti (non cagionano grande dispiacere), notti lunghe, mal tempo, credenze basse e donne facilone (questa va cercando il vagabondo)
 
   

Sposati bell'omo e ba t'abbenda; t'ai misu la patenta di li guai
Sposati bell'uomo e riposati, ti sei creato la patente dei tuoi guai

 
   
A lu cavaddru iastimatu, i luci u pilu
Al cavallo bestemmiato, gli luccica il pelo
 
   

A munnu; quantu si chiattu tantu si tunnu!
IL mondo per tanto è piatto tanto è tondo

 
   
Mancu appress'a prucissioni
Nemmeno dietro la processione
 
   

Cu collira si pigghia campa pocu, e dona gustu a li nimici sui
Chi collera porta, vive poco e rende omaggio ai suoi nemici

 
   
Supa li costi toi, fravica veni
Sulle tue spalle, ricadrà un peso
 
   

A ruina non  ci vo sparagna
Alla rovina non bisogna risparmiare

 
   
Vali cchiu mori saziu ca diunu
E' meglio morire sazio che digiuno
 
   

Genti i marina, futti e camina
Gente del Mare, "Fotte" e va via

 
   
Viziu i natura, fin'a sipultura
Vizio di natura fino alla morte
 
   

I fissa, pani ed acqua
Allo stupido pane e acqua

 
   
Non c'è eriva nata, chi non mangia a crapa
Non esiste erba che non venga mangiata dalla capra
 
   

Va videmmu ca voi lu porcu e li sei ducati
Vuoi vedere che vuole il maiale con i sei ducati

 
   
Tintu tintu u caudararu, ma 'cchiu tintu cu 'u porta 'noddru
Sporco, Sporco è il Calderone ma è sicuramente più sporco chi lo porta sulle spalle
 
   

:: Ancora proverbi...